English Full Immersion: cos’è? come funziona?

Cos’è il metodo ‘Full Immersion’? Vuol dire immergersi completamente nella lingua (e nella cultura) inglese. Vuol dire parlare, ascoltare e comunicare solo e sempre in inglese. L’idea è che l’apprendimento è facilitato attraverso la necessità (sei costretto a parlare l’inglese) e la durata dell’esposizione (sei esposto all’inglese per più ore al giorno).

Non è una vera full immersion senza ‘costrizione’ e ‘esposizione’

Cosa vuol dire che senza costrizione ed esposizione non è una vera ‘full immersion’? Se vai a Londra per 6 mesi ma hai amici italiani e lavori in un ristorante italiano (dove gli unici vocaboli che senti sono ‘pizza Margherita’ e ‘pasta Carbonara’) non sei costretto a parlare in inglese e non sei esposto alla lingua inglese. Tanto vale stare a casa in Italia e seguire qualche corso in modo autonomo. Chiaramente se parti da solo (invece di andare con amici italiani), l’efficacia è maggiore.

Allora, cos’è una vera full immersion?

Fare una full immersion vuol dire frequentare amici e colleghi inglese o americani al meno 8 ore al giorno! A fine giornata dovresti essere stanco dalla fatica di parlare e comunicare sempre in inglese. Come descrivo in questo articolo ci sono più modi per aumentare le ore di comunicazione in inglese. Potresti trovare un lavoro (che ti permette di parlare tanto), fare il volontario, fare amicizie tramite applicazioni smartphone o siti com www.meetup.com. L’articolo parla di Londra ma i principi rimangono anche per altre città e stati. Si può fare anche un corso di inglese (la mattina or il pomeriggio) ma il corso non può sostituire il contatto vero con gli anglofoni del posto. Ricordati che i corsi con gruppi grandi lasciano poco spazio alla comunicazione e all’interazione con l’insegnante.

Dove fare la full immersion?

Ha poca importanza il dove mentre è molto importante organizzarla bene. Ecco dei consigli per varie destinazioni:

Chi livello posso raggiungere e in quanto tempo?

Come sempre è difficile fare previsioni e promesse precise. Dipende sempre dalla bravura e dall’impegno …. però possiamo dire che:

  • in un weekend puoi rinfrescare il tuo inglese o avviare un percorso lungo ma realmente è difficile fare progressi importanti
  • 2 settimane intensive possono servire a fare un piccolo livello di qualità soprattutto al livello di ‘confidence’ (sicurezza in se stessi) e orecchio
  • 1-2 mesi possono servire per fare un salto di livello da A1 a A2 ad esempio o da pre-intermedio (A2) a intermedio (B1)
  • 6 mesi-1 anno: se si utilizza bene il tempo un periodo di 6-12 mesi possono bastare per raggiungere un livello upper-intermediate (B2) or anche avanzato (C1) con tanto impegno e studio oltre la full immersion.

Fare la full-immersion a casa tua

Se non hai la possibilità di trascorrere un periodo lungo all’estero puoi pensare come ricreare la full immersion a casa tua. Se hai bambini potresti pensare all’idea di prendere una ragazza alla pari inglese o americana. In alternativa se hai una camera per gli ospiti potresti prendere un coinquilino anglofono o chiedere alla università della tua città se esiste un programma per ospitare studenti stranieri. Con una ragazza (o ragazzo) alla pari in casa sarai costretto a parlare la loro lingua, la stessa cosa se ospiti in inquilino inglese.

In conclusione: costrizione + esposizione = full immersion

Non importa se sei a Londra o a Livorno, a Brighton o a Bologna, a Manchester o a Mantova, l’importante è trovarsi in una situazione in cui sei costretto a parlare tanto tanto tanto.

Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.